Cerca nel blog

lunedì 20 febbraio 2017

ricetta Sfincitelle di Carnevale (senza glutine)

Le Sfincitelle di Carnevale (senza glutine) sono un altro dolce perfetto per le feste dei bimbi e degli adulti mai cresciuti! Come me!!! Sono facilissime da preparare e da cuocere e farete felici tutti quanti in famiglia! E poi le Sfincitelle di Carnevale (senza glutine) si conservano benissimo, perché l'interno è umido e molto morbido, ma la crosta è croccante e potrete tranquillamente prepararlo molte ore prima, anche un giorno prima! Le Sfincitelle di Carnevale (senza glutine) in realtà sono delle piccole Sfinci di San Giuseppe (cliccate QUA per la ricetta), rivestite di zucchero o farcite della crema preferita! Un dolce tipico della mia città, Palermo, d'uso prepararsi per le feste di Carnevale (ma non solo) e soprattutto per la Festa del Papà, il giorno di San Giuseppe per l'appunto! Squisite, belle e buone da far impazzire!



In pratica l'impasto è analogo a quello dei bignè, un po' meno sodo. La ricetta tradizionale prevede l'uso dello Strutto (o Sugna) ma io le faccio col burro. Se volete potete sostituirlo con lo Strutto mantenendo le dosi.







Ingredienti e dosi per circa 30 Sfincitelle di Carnevale

100 g di Farina di riso finissima
30 g Fecola di Patate
20 g Amido di mais o Tapioca
250 g acqua
100 g burro (di ottima qualità)
4 uova intere (circa 225 g totali di peso senza guscio)
1/2 cucchiaino scarso di sale
1 cucchiaino abbondante di zucchero
1 pizzico di bicarbonato
la scorza di 1/2 limone biologico (intera)

Procedimento con foto tutorial

domenica 19 febbraio 2017

ricetta Focaccia ai ceci senza glutine in padella con Biete e Bacon

Questa ricetta della Focaccia senza glutine ai ceci in padella (volendo anche senza ceci) è molto comoda perché vi consente di avere un prodotto da forno, morbido e lievitato e ben cotto esattamente come se cotto nel forno, ma senza dover accenderlo! Capita, quando c'è troppo caldo oppure, come è capitato a me oggi, quando il forno si guasta ma voi non avete intenzione di rinunciare ad una cena allegra davanti alla TV! L'avevo già fatta, semplice o con il Teff, e trovate le ricette cliccando QUA per la versione semplice o QUA per quella al Teff. Sempre cotte in padella!





 Ingredienti per 1 Focaccia senza glutine ai ceci (4 porzioni)

120 g MixB Schaer o Nutrifree (Mix per Pane senza glutine)
120 g Farmo Fibrepan o Farmo Low Protein o FreeFrom Lidl (Mix per Pane senza glutine)
40 g MixIt Schaer o Pedon (Mix di farine senza glutine)
20 g Farina di ceci*
250 g acqua tiepida (30°C)
6 g Lievito di birra fresco
7 g sale
1+1/2 cucchiai Olio EVO
1 cucchiaino di miele


* potete anche raddoppiare la quantità di farina di ceci, se preferite sentire molto di più il sapore, ma per me così è già equilibrata perché il gusto dei ceci è avvertito ma non domina. Nel caso doveste quindi mettere 40 g di farina di ceci, togliete 20 g di MixIt ma aggiungete 1 g di Guar, altrimenti l'impasto sarà troppo mollo e non potrete lavorarlo.

Procedimento con foto tutorial

venerdì 17 febbraio 2017

ricetta Stinco di Maiale all'Arancia e Vino Rosso

Lo Stinco (o Garretto) di Maiale all'Arancia e Vino Rosso è un piatto unico e abbondante, per gli amanti della buona carne, in particolare degli stracotti (tenerissimi come il Bollito), e va preparato per occasioni speciali, servito con almeno un paio di contorni e un bel bicchiere di Vino rosso. Sarete ricompensati dallo sguardo dei commensali, mentre voi avrete faticato pochissimo, perché si cucina da solo! Il segreto della sua bontà è la lenta cottura, un buon vino di base e ... il resto lo scoprirete leggendo!

la carne deve risultare morbidissima e sfibrarsi con la sola forchetta, proprio come un buon bollito

Ingredienti per 2 porzioni

2 Stinchi di Maiale da 800 g circa ciascuno (crudi e senza cotenna)
2 cipollotti scalogni
2 coste di sedano non grandissime
1 pomodoro maturo
1 carota (io oggi non l'ho messa ma ci va)
1 cucchiaino di brodo vegetale granulare (io senza glutammato e senza glutine)
1 l di Vino rosso (io Merlot, potete cambiare ma che sia un vino buono, ne risentirebbe il gusto finale del piatto)
Acqua q.b.
Olio evo q.b.
Sale q.b.
Aromi (3 chiodi di garofano, 4 bacche di ginepro, 1 foglia di alloro, 1 rametto di rosmarino, 1 rametto di maggiorana, 1 rametto di origano, qualche rametto di prezzemolo fresco, qualche filo di erba cipollina fresca o una spolverata secca)

Ingredienti per la salsa 

Il fondo di cottura degli Stinchi 
1 arancia biologica (sia la scorza grattugiata che il succo)
3 cucchiai di panna da cucina
1 cucchiaio di salsa di soia (Tamari per i celiaci)
Qualche goccia di salsa Tabasco (se non l'avete, va bene peperoncino rosso)
Sale
Amido di mais q.b.
1 pizzico di bicarbonato di sodio 

Contorni suggeriti

Purea di Patate e Broccoli al vapore
oppure
Polenta morbida o arrostita e funghi trifolati
oppure
Patate al forno e Spinaci al Burro o all'Aglio

Per la guarnizione finale

1 Arancia a fette
Erba cipollina 

Procedimento per gli Stinchi di maiale all'Arancia e Vino Rosso

martedì 14 febbraio 2017

ricetta Mafalda palermitana senza glutine

La Mafalda palermitana è così! Una pagnottella di circa duecento grammi di peso, tutta attorcigliata a serpente e con lungo risvolto superiore, in assenza di cui lo stesso pane è chiamato "Scaletta"... e di rito, quand'è calda, va mangiata con la Mortadella!!! Come rinunciare al piacere di una Mafalda palermitana senza glutine? 





Questo particolare pane, obbligatoriamente ricoperto di sesamo, in origine, come tutto il pane siciliano, era prodotto con la semola di rimacino, una versione meno setacciata della farina di frumento che dà come risultato una alveolatura più fitta e un pane più umido, quindi più durevole. Oggi nei panifici si utilizzano farine più raffinate e ricche di glutine, motivo per cui è facile trovare anche delle Mafalde più leggere, con un'alveolatura più aperta, e che trattengono meno umidità. Comunque la troviate, la Mafalda palermitana è molto buona, sia per il sapore del sesamo che la caratterizza, sia per la forma particolare con crosta morbida e estesa, proporzionata alla quantità di mollica. 




Dovendo riprodurre la Mafalda palermitana senza glutine, ho scelto di utilizzare il tris di miscele che impiego per la mia pizza, perché il sapore delle farine, così proporzionate, a mio avviso si avvicina molto di più alla semola di rimacino e quindi alla Mafalda palermitana più antica. 

Ingredienti per 5 Mafalde

210 g MixB Schaer (o in alternativa Nutrifree pane o Auchan pane)*
210 g Farmo Fibrepan (o in alternativa Farmo Low Protein, o Lidl pane, o Biaglut pane)*
80 g MixIt Schaer (o in alternativa Pedon pane, o Koilia pane)*
150 g Li.Co.Li. senza glutine (per la ricetta del Li.Co.Li. si veda il Blog Un cuore di farina senza glutine, a questo link QUA)**
340 g acqua tiepida
12 g sale
1 cucchiaino colmo di miele
2 cucchiai di olio evo
semi di sesamo abbondante


* Le alternative che vi metto fra parentesi vi daranno comunque un ottimo pane, forse più simile a quello che noi a Palermo chiamiamo 'bianco', più raffinato e quindi più gonfio, ma un po' più asciutto.
** Per farla con il Lievito di birra, leggete in fondo alla ricetta

Procedimento

domenica 12 febbraio 2017

ricetta Muffin Fragolosi allo Yogurt ... con farine naturali senza glutine

La ricetta di questi Muffin Fragorosi allo Yogurt ... con farine naturali senza glutine, nasce per amore! Vostro marito per che squadra di calcio tifa? Il mio per l'Inter e stamane, mentre facevamo la spesa, senza dirmi niente ha fatto scivolare nel carrello dei Pirottini un po' speciali... Cosa metterci dentro se non un Muffin esplosivo, per fargli un bel regalo... e con un cuore rosso, pieno d'amore!





Avevo a casa delle fragole mature e del cioccolato bianco ... tutto il resto è stato molto semplice, perché la ricetta giusta già l'avevo! Quella dei Muffin limonosi allo Yogurt farciti d'arancia ... (cliccate QUA per leggerla)... con piccolissime modifiche e una maggiore cura nell'aspetto... ecco queste bombe di gioia (calcistica e non)!!!
... non preoccupatevi se vostro marito è juventino o milanista, questi Pirottini sono in vendita per tutte le maggiori squadre italiane...



MUFFIN FRAGOLOSI ALLO YOGURT 

Ingredienti per 8-9 grossi Pirottini (da Cupcake) o 12 normali

secchi:
250 g di farine naturali senza glutine (composta da 165 g farina di riso + 55 g Fecola di Patate + 30 g amido di tapioca o di mais)
2 g di Xantano puro (senza vengono più bassi e la consistenza più simile al Pandispagna)
1 g di farina di semi di Guar 
100 g di zucchero semolato (per un gusto più dolce aggiungetene altri 20 g)
1 bustina di lievito per dolci (senza glutine per i celiaci)
1 bacca di vaniglia (i semi interni, oppure 1 bustina di vanillina in polvere)
1 pizzico di sale

umidi:
2 uova intere (del peso medio senza guscio di 55 g ciascuna)
100 g olio di semi di Girasole (io biologico)
200 g di Yogurt intero alla fragola
20 g di panna liquida 
la scorza grattugiata di 1 limone (biologico) 
30 g di cioccolato bianco (che dovrete grattugiare come il formaggio) ... conferisce una morbidezza in più che non ha confronti ... ma se non l'avete fateli lo stesso, proverete col cioccolato la prossima volta! perché vi garantisco che ci sarà!!!


Per la farcitura interna

8-9 cucchiaini di marmellata di fragole, uno per pirottino (io ho fatto una marmellata espressa, con una decina di fragole fresche, zucchero q.b. e poco succo di limone. Ho tagliato a pezzetti le fragole pulite, le ho bagnate di limone e cosparse di zucchero, dopo mezzora di riposo le ho messe su fiamma bassa, girandole spesso, e le ho cotte sino a quando sono diventate una crema e l'acqua della frutta si è asciugata. Poi, da fredda, l'ho usata per farcire i Muffin, che in tal modo erano ancora più genuini)
40 g di cioccolato bianco (a grossi pezzi)

Zucchero a velo per guarnizione

Procedimento con illustrazioni


Miscelare fra loro tutti gli ingredienti secchi, in una ciotola.
Miscelare bene fra loro tutti gli ingredienti umidi, comprese le scorze del limone e il cioccolato bianco grattugiato proprio come il formaggio, in un'altra ciotola.
Versare i secchi negli umidi, miscelando con una frusta a mano, sino ad amalgamarli bene, ma senza insistere troppo, perché la caratteristica dei Muffin è un impasto rustico, poco raffinato. 



Distribuire quindi un cucchiaio (abbondante, se il Pirottino è grande come il mio) di composto per pirottino, allargare bene l'impasto e formare un buchetto al centro, poi sistemarvi uno o due pezzetti di cioccolato bianco e un cucchiaino di marmellata, quindi coprire con un altro cucchiaio (scarso) di impasto. Poiché l'impasto è abbastanza denso, bisogna lisciarlo col dorso di un cucchiaino, per dargli una forma regolare (possibilmente a cupolotto) e sigillare bene la marmellata. 


riempite i Pirottini sino ai 2/3 di altezza, dandogli una forma liscia e a cupoletta, che si manterrà in cottura.
Se invece li preferite più irregolari, siate meno attenti ad allisciarli, basta solamente aver cura di sigillare la marmellata per non farla fuoriuscire col calore del forno


Cuocere a 175°C ventilato pre riscaldato per 20 minuti, controllando sempre con uno stecchino prima di spegnere e dandogli semmai un minuti di più. Se invece usate Pirottini più piccoli, potrebbero cuocere un po' meno, diciamo 18 minuti.










Se vi è piaciuta questa ricetta seguitemi sulla mia pagina Facebook, mettendo il Mi piace o iscrivendovi riceverete le mie nuove creazioni!

Baci, Bimba Pimba


mercoledì 8 febbraio 2017

ricetta Muffin limonosi allo yogurt farciti d'arancia ... senza glutine

La ricetta di oggi è semplice e veloce e di grande effetto per realizzare in pochi minuti dei Muffin limonosi allo yogurt farciti d'arancia ... o di altri sapori! Perché il cuore alla marmellata potete sceglierlo voi! Io preferisco i miei amati agrumi siciliani, che crescono rigogliosi nel mio giardino! 
Questi Muffin limonosi allo yogurt farciti d'arancia sono fatti con farine naturali (riso, mais, patate) e si preparano velocemente perché sono dei veri e propri Muffin, quindi seguono la regola americana della semplicità! Polveri da un lato, liquidi dall'altro, una mescolata e via nel forno!!! In meno di mezz'ora sono già pronti! Ecco la ricetta dei Muffin limonosi allo yogurt farciti d'arancia ... senza glutine!

Muffin limonosi allo yogurt farciti d'arancia ... 


La consistenza di questi Muffin è simile a quella dei mini Plumcake venduti industrialmente, morbidissima, umida, elastica. Se li volete più friabili (ma anche più bassi), tipo Pandispagna, non mettete lo Xantano e la panna. Io li preferisco proprio così, un'esplosione di bontà!!!

Ingredienti per 12 Muffin

secchi:
250 g di farine naturali senza glutine (composta da 165 g farina di riso + 55 g Fecola di Patate + 30 g amido di tapioca o di mais)
2 g di Xantano puro (senza vengono più bassi e la consistenza più simile al Pandispagna)
1 g di farina di semi di Guar 
100 g di zucchero semolato (per un gusto più dolce aggiungetene altri 20 g)
1 bustina di lievito per dolci (senza glutine per i celiaci)
1 bacca di vaniglia (i semi interni, oppure 1 bustina di vanillina in polvere)
1 pizzico di sale

umidi:
2 uova intere (del peso medio senza guscio di 55 g ciascuna)
100 g olio di semi di Girasole (io biologico)
200 g di Yogurt intero bianco 
20 g di panna liquida 
la scorza grattugiata di 2 limoni (biologici) 

Per la farcitura all'arancia

12 cucchiaini di marmellata d'arance siciliane!!! (io biologica, fatta in casa, la ricetta la trovate QUA)

Per la Glassa al limone di rivestimento

100 g di zucchero a velo per la glassa
qualche goccia di succo di limone

Procedimento con illustrazioni

martedì 7 febbraio 2017

ricetta Ciabatte senza Glutine al Teff integrale

Questa ricetta delle Ciabatte senza Glutine al Teff integrale nasce con il Lievito Madre in Coltura Liquida (Li.Co.Li. se non l'avete fatto o non sapete come si fa, seguite le istruzioni di Olga Botta, di Un Cuore di Farina senza Glutine, le trovate QUA) ma è adattabile anche al Lievito di Birra! Intanto posso dirvi che queste Ciabatte senza Glutine al Teff integrale sono squisite, leggere, croccanti e con la mollica elastica e asciutta, sofficissima, nessun luccichio!!! E che hanno un sapore caldo, pieno, conferitogli dal lievito naturale e dalla farina di Teff integrale, ricca di fibra. Le avevo già fatte al Saraceno ma anche al Teff, per cui se volete farle con il Lievito di Birra dovete aprire questo link QUA e seguire la mia ricetta (troverete la versione al Saraceno e al Saraceno e Teff integrale). 






Ingredienti per 8 Ciabatte al Teff integrale senza glutine

280 g Mix per pane senza glutine Auchan (o in alternativa Nutrifree per pane)*
120 g Mix per pane senza glutine Farmo Fibrepan (o in alternativa Farmo Low Protein, o mix Lidl, o Conad o Koilia da 1 kg, entrambi mix per pane senza glutine)*
130 g Mix universale senza glutine Mix It Ds Schaer (o in alternativa Pedon per pane o Biaglut per pane)*
70 g Farina di Teff integrale
1 g di Xantano puro
180 g Li.Co.Li. senza glutine (per la versione con lievito di birra cliccate e seguite questo post QUA)
390 g acqua tiepida (30°C)
15 g sale
20 g olio evo
1 cucchiaino abbondate di miele

* Il mix di farine utilizzato è tratto dal Blog di Olga Botta Uncuoredifarinasenzaglutine ed è stato liberamente rimodulato in funzione della ricetta.



Procedimento

domenica 5 febbraio 2017

ricetta Bignè senza glutine

Recentemente ho rifatto i Bignè senza glutine, cercando di semplificare la ricetta che utilizzavo in precedenza (che trovate QUA) soprattutto dosando al grammo le uova, indice fondamentale per la riuscita dell'impasto (le uova hanno pesi molto differenti e variabili). La ricetta del Bignè senza glutine di oggi è tratta dalla mia Enciclopedia della cucina italiana, al volume Piccola Pasticceria, dove però sono indicate genericamente solo 2 uova (poca la quantità e vago il riferimento). Spulciando nel Web ho cercato di capire quale consistenza dovesse avere l'impasto e, aggiungendole un goccio alla volta, sono riuscita ad ottenere il giusto peso delle uova. Rispetto alla ricetta originale io utilizzo farine naturalmente prive di glutine ma senza addensanti, che renderebbero il Bignè elastico e più umido, mentre la pasta del Bignè deve risultare asciutta e croccante. Del resto anche per la versione antica (con frumento) vengono indicate farine leggere e con poco glutine. Sono contenta del risultato, non c'è differenza tra quello normale e il Bignè senza glutine! Gonfia moltissimo e dentro si svuota come un palloncino. 





Bisogna controllare bene la cottura, evitando che colori troppo e subito perché deve asciugarsi bene anche all'interno, quindi meglio una cottura moderata e più lunga (180°C/200°C Statico, scegliendo in base alla potenza del proprio forno. I tempi variano in base alle dimensioni del Bignè... ma ora ne parliamo!)

Ingredienti e dosi per una ventina di Bignè

100 g Farina di riso finissima (se non l'avete, frullate quella normale)
34 g Fecola di Patate
16 g Amido di Tapioca o Mais
1 cucchiaino raso da caffè di zucchero
1 pizzico di sale
250 g acqua
100 g burro
175 g uova fresche intere




Procedimento

mercoledì 1 febbraio 2017

ricetta Focaccia Genovese senza glutine

PRONTA IN SOLE 3 ORE!!!

Era da tanto tempo che volevo fare una semplice Focaccia Genovese senza glutine, un po' perché amo la Focaccia ma soprattutto perché di Vittorio e del suo Blog Viva la Focaccia, con cui collaboro da un po' di tempo, io mi fido ciecamente!!! Ho scelto la ricetta originale di Vittorio, quella di famiglia (cliccate QUA per vederla), che deve essere morbida dentro ma croccante fuori, sopra e sotto! Buonissima!!! E così ecco la mia Focaccia Genovese senza glutine! Semplicemente squisita!!! Da fare ogni domenica! Per il piacere di spiluccarla durante la giornata, davanti alla tv o con gli amici!!! Se siete in tanti, fatene doppia dose!!! E quella che resta - se resta! - copritela con pellicola e l'indomani con una breve scaldata sarà ancora buonissima! 




Focaccia genovese senza glutine 

Ingredienti (per 1 focaccia delle dimensioni di cm 30x40)
per fare due focacce, raddoppiare tutte le quantità

310 g di farine senza glutine (120 g MixB Schaer + 130 g Farmo Fibrepan + 60 g MixIt Schaer)**
240 g acqua tiepida
12,5 g lievito fresco*
5 g sale
1 cucchiaino di miele
20 g olio evo

*la ricetta originale ne prevede 17 g, io li ho ridotti e vanno bene lo stesso. Proverò a diminuire ancora e inoltre proverò anche a farla col lievito madre, ma i tempi di lievitazione ovviamente si allungheranno. 
**mix di farine tratto dal Blog di Olga Botta Uncuoredifarinasenzaglutine e liberamente rimodulato in funzione della ricetta. La MixB Schaer può essere sostituita, in questa ricetta, dal Mix per pane Auchan o dall'analogo Nutrifree pane. La Farmo Fibrepan è sostituibile con la Farmo Low Protein, se preferite, o in alternativa un mix che contenga come farine Amido di frumento deglutinato + amido di mais, oppure ancora il mix Conad per pane, o il Koilia da 1 kg, sempre per pane, o volendo anche la Coop per pane, ma non ha il frumento deglutinato. Il MixIt è sostituibile con il mix Pedon per pane da 500g, o Biaglut per pane.

TEMPO PREVISTO: 3 ore + 20 minuti di cottura



Procedimento con video-ricetta


Guardate la VIDEO RICETTA prima di farla!!! 
E' così facile che vi sembrerà di averla già preparata mille volte!

martedì 31 gennaio 2017

ricetta Chiffon Cake senza glutine Fragole e Panna

Questa Chiffon Cake senza glutine Fragole e Panna (con grande colata di Cioccolata fondente!!!) è disarmante per la sua bontà! Farà impazzire tutti, dai più piccoli ai più grandi, perché con questi ingredienti e una presentazione simile nessuno resta indifferente! 




La ricetta della Chiffon Cake senza glutine è sempre la stessa, la base la trovate cliccando QUA (troverete anche i miei riferimenti). 

Per la farcitura della Chiffon Cake senza glutine Fragole e Panna ...

montare 1 litro di panna per dolci freschissima con 150 g di zucchero a velo, comprare tante belle e dolci fragole e prima di assemblare la torta, coprirla con una colata di cioccolata fondente, ridotta in scaglie sottili e fusa a bagnomaria con pochissima panna liquida (1 cucchiaio per 200 g di cioccolata, serve solo a scioglierla prima). Io l'ho guarnita anche con piccole scaglie di cioccolata fondente, gocce di cioccolato bianco e zucchero a velo finale, che non guasta mai!!! 
Semplice no?

Potete tranquillamente preparala il giorno prima e conservarla nel frigorifero, però tiratela fuori almeno 2 ore prima del consumo (in estate, basta 1 ora), per gustarla al meglio!!!


Se vi è piaciuta questa ricetta seguitemi sulla mia pagina Facebook, mettendo il Mi piace o iscrivendovi riceverete le mie nuove creazioni!

Baci, Bimba Pimba


lunedì 30 gennaio 2017

ricetta Torta di Mandorle e Nocciole all'Arancia


SENZA GLUTINE, SENZA BURRO, 
SENZA OLIO, SENZA LATTE, SENZA LIEVITO



Torta di Mandorle e Nocciole all'Arancia



Ricetta originale del 1951

la Torta di Mandorle e Nocciole all'Arancia

Io adoro sfogliare i libri di cucina, che siano con fotografie o senza. Quelli più antichi di foto non ne hanno, perché la tecnica di stampa non lo consentiva e comunque era ancora troppo cara. Ma è proprio questa mancanza che certe volte stimola di più la curiosità e la fantasia. Così come in fondo fa la scrittura, da vita alle esperienze descritte nel foglio di carta che tieni fra le dita, sognando dietro quei piccoli caratteri tipografici che nascondono un mondo infinito di bellezza ... e di bontà, nel nostro caso. 
Ed ecco che, mentre la tua mente vola tra i forni e i fornelli di una volta, sbirciando dentro i mortai di pietra dove decine di mandorle dolci appena sgusciate venivano ridotte in fina polvere bianca dalle braccia forti di una donna che non c'è più, o forse non è mai stata, ecco che le tue gambe inconsapevolmente ti hanno portato nella tua di cucina, e le tue mani senza chiederti il permesso hanno aperto armadietti alla ricerca dei barattoli di mandorle e di nocciole, mentre le uova fresche che tieni sempre sulla mensola si sono messe in fila per farsi aprire e montare a neve! La tua cucina si è animata di ingredienti-personaggi allegri e festosi, perché quella ricetta, quella torta che stavi tanto appassionatamente leggendo, all'improvviso si è voluta materializzare per svelarti un piccolo segreto, per regalarti un momento di piacere, un breve istante in cui tu e la donna di un tempo, la donna forte che tu non sei e che ha dato senso alla tua presenza in questo mondo, saprete di essere felicemente assieme. Ecco perché amo leggere i libri di cucina. E se non hanno fotografie, se il risultato dovrete immaginarlo da voi, se raccontano di tempi passati in cui la cucina era principalmente donna, famiglia, casa, amore, unione, felicità della scoperta e della sperimentazione alla portata di tutti ... ecco che quei libri per me sono più preziosi di ogni altra cosa. I libri di cucina sono come delle piccole macchine del tempo, che ti regalano la possibilità di ritrovare il tuo passato - perché no? - anche nel semplice piacere di un morso! La ricetta della Torta di Mandorle e Nocciole all'Arancia è proprio questo, un viaggio in un tempo remoto, quando i dolci erano semplici e privi di grassi, nutrienti e saporiti, delicati come delicata era la donna che li preparava per amore dei suoi figli ... mia nonna, Sarina. E questa è ancora una ricetta della sua preziosa agenda del 1951, che oggi voglio condividere di nuovo con voi! E indovinate un po'? Era anche questa senza glutine!!!

Ingredienti per 6-8 porzioni

115 g di mandorle dolci pelate
35 g di farina di nocciole (oppure tutte mandorle)
150 g di zucchero
80 g succo d’arancia fresco
50 g di fecola di patate
3 uova intere + 1 albume
1 pizzico di cremor tartaro (oppure 2 gocce di succo di limone)

Per il rivestimento con Glassa all'arancia e curcuma:

150 g di zucchero a velo
q.b. succo d'arancia fresco
la punta di un cucchiaino di curcuma (facoltativo)

+ mandorle e canditi d'arancia come decoro

Procedimento

venerdì 27 gennaio 2017

ricetta Tiramisù senza glutine

Questo Tiramisù senza glutine è quello classico, una ricetta intramontabile, che ho sempre fatto in tempi non sospetti, quando non mi ponevo il problema della celiachia e compravo i Savoiardi confezionati, quelli secchi. Riuscivo a mangiarli solo così, questi biscotti. Poi, qualche giorno fa, una mia cara amica mi ha dato la sua ricetta per farli freschi, in casa, senza glutine. Mi son detta che era arrivato il momento giusto, era da tanto che non mangiavamo un buon Tiramisù! Detto fatto, ho preparato i Savoiardi, che in Sardo nuorese si chiamano Bistoccos d'ou, e subito dopo il mio amato Tiramisù senza glutine, con la stessa ricetta che un tempo stava scritta sul retro della confezione dei noti biscotti. Secondo me le immagini parlano da sole!!! Mangiare questo Tiramisù senza glutine con i Savoiardi freschi, morbidi, fatti con ingredienti sani freschi e genuini, è stata un'esperienza divina! Non potrete più sostituirli con quelli comprati! 



Ingredienti per 6-8 porzioni

3 uova freschissime biologiche
70 g zucchero 
250 g di Mascarpone 
1 dose di Savoiardi freschi fatti in casa (cliccate QUA per la ricetta senza glutine) o 300 g di savoiardi secchi 
caffè espresso (freddo, qualche tazzina)
q.b. cacao amaro in polvere
1 pizzico di Cremor Tartaro (o 2 gocce di succo di limone fresco)



Procedimento con foto

Con i Savoiardi fatti in casa, il sapore del Tiramisù è tutt'altra cosa!




giovedì 26 gennaio 2017

ricetta Bistoccos d'ou (o Savoiardi) senza glutine

Bistoccos d'ou o Savoiardi (senza glutine) ... sono la stessa cosa! In Sardegna, nel Nuorese, vive una mia dolce amica, Irene, che li chiama così, mentre a quanto pare in altre zone della sua splendida Regione vengono chiamati Pistoccus de ou ... ma a me piace di più la versione di Irene! Anche perché, dopo aver fatto la sua ricetta (due volte di seguito!!!), non posso che affermare che i suoi Bistoccos d'ou (o Savoiardi) senza glutine sono i più buoni che mio abbia mai mangiato (con glutine e senza!)! Sono soffici come il Pandispagna ma con un velo di crosticina croccante zuccherina in cima, che si sgretola in bocca mentre l'interno si scioglie nel palato. Sono perfetti così, semplici, oppure accoppiati e farciti (a mo' di Pesche!) con Marmellate o Nutella oppure, non plus ultra, utilizzati per il Tiramisù (lo pubblicherò domani mattina)! Fatelo con questi Bistoccos d'ou (o Savoiardi) senza glutine, DIVINI!!! E' peraltro sono con farine naturali, crederete di sfiorare il cielo con un dito! Grazie Irene per la ricetta, io amo i sapori antichi e le ricette tradizionali e questo è il regalo più bello che potevi farmi! Questa dunque la dedico a te! 

Bistoccos d'ou o Savoiardi in versione classica per Tiramisù o inzuppo

Bistoccos d'ou o Savoiardi rotondi per inzuppo o Pesche farcite!
Bistoccos d'ou o Savoiardi a mo' di Pesca ma con Nutella

Ingredienti per circa 12-15 Bistoccos d'ou o Savoiardi grandi 


4 uova (io biologiche)

106 g farina di riso
38 g fecola di patate
16 g amido tapioca (o amido di mais)
1 g di xanthano (facoltativo e solo per quelli destinati al Tiramisù) leggere la noticina prima di decidere*
150 g zucchero
2 gocce di aroma vaniglia o la scorza grattugiata di un limone (io entrambe!)
1 pizzico di Cremor Tartaro (o 2 gocce di succo di limone fresco)


q.b. zucchero a velo e normale per decorare


*lo Xanthano, essendo un addensante, serve solamente a fargli mantenere meglio la forma durante la cottura, pertanto ne consiglio l'uso solo se volete ottenere dei Savoiardi ben in forma. Altrimenti non mettetelo, verranno un po' più bassi (non molto, quelli rotondi sono senza Xanthano, vi sembrano bassi? A me no!). In compenso però, senza Xanthano, vengono  moooolto più soffici all'interno. Considerate che io li ho fatti in entrambi i modi e posso affermare che senza Xanthano sono più buoni da mangiare come biscotti, inzuppati nel latte o farciti come in foto. Con lo Xanthano sono più comodi solo per farci il Tiramisù, anche perché assorbono molto più lentamente il caffè, quindi potete inzupparli bene ma senza paura che ne assorbano troppo, anzi dovrete insistere. Il dolce fatelo il giorno prima così diventeranno ancora più morbidi perché assorbiranno tutta l'umidità della crema. Poiché sono testarda, proverò con il Guar oppure con fibre di Psillio, tanto per vedere la differenza, e poi vi dirò! Intanto così sono perfetti!

Cottura a 180°C ventilato per 15 minuti circa, sino a doratura (dipende dalla dimensione del biscotto)







Procedimento 

lunedì 23 gennaio 2017

ricetta Pane per Bruschette senza glutine con Li.Co.Li.

Eccoci con un'altra ricetta prodotta inizialmente con lievito di birra (poco, 1 grammo) e adesso fatta con il Lievito Madre liquido... il Li.Co.Li. 
Questo Pane per Bruschette senza glutine è veramente buono, non sembra senza glutine, nessun retrogusto di mais, che io odio! E si offre benissimo per fare delle Bruschette, ma anche panini imbottiti, perché anche se del giorno prima è ancora molto morbido, non asciutto (per via del Lievito madre) e se tagliato a fette e riscaldato diventa irresistibile!!! Anche a colazione, con la marmellata!!! 




Per chi non lo dovesse conoscere, il Li.Co.Li. è il Lievito Madre in Coltura Liquida, dunque un vero e proprio Lievito naturale con tutti i suoi vantaggi, e quasi nessun svantaggio di quello solido (che per noi Celiaci è comunque in forma semiliquida). Perché il Li.Co.Li. non ha bisogno di rinfreschi a cadenza ben precisa, sosta nel vostro frigorifero in attesa dell'utilizzo e senza alcun pre rinfresco. Si prende così com'è dal frigo e si impasta. I tempi di lievitazione sono lunghi, come per ogni lievito madre. Da giovane chiede 8-10 ore, in certe condizioni anche 12. Ma il risultato è strepitoso! Non rimpiangerete più il pane e la pizza di frumento! Io ho intrapreso la coltura del Li.Co.Li. da poco più di un mese, forse due, e sono molto soddisfatta dei risultati. Ho tradotto alcune delle mie ricette e sto procedendo via via con il farle tutte con questo Lievito, perché il sapore e la consistenza del prodotto, oltre che il volume finito, sono molto migliori. Chi non vuole o non può ancora autoprodursi il Li.Co.Li., troverà l'equivalente di questa ricetta QUA, ma dovrà fare un unico filone anziché due, come feci allora. Chi invece vuole cimentarsi con il Li.Co.Li. (consapevole che non potrà più farne a meno!) deve prima auto produrselo, e quindi deve seguire pedissequamente i consigli della sua inventrice, e cioè Olga Botta di Un Cuore di Farina Senza Glutine, e deve cliccare  QUA per leggere le sue indicazioni. 






Ingredienti per il Pane per Bruschette senza glutine
(per chi mi segue da tempo, è lo stesso impasto della Pizza della Pizzeria con Li.Co.Li.)

80 g di Li.Co.Li. preso dal frigorifero, così com'è
120 g di Mix per pane senza Glutine MixB Schaer
120 g di Mix per Pane senza Glutine Farmo Fibrepan
60 g di Mix universale senza glutine MixIT Schaer
214 g acqua tiepida (30°C)
5 g zucchero
8 g sale
1 cucchiaio di olio evo

Procedimento